• Home
  • News
  • Blog
  • Importanti modifiche al DPR 462/01 verifiche periodiche impianti elettrici

Importanti modifiche al DPR 462/01 verifiche periodiche impianti elettrici

Verifiche periodiche impianti e DPR 462/01

Verifiche impianti elettrici

Con il Decreto del Presidente della Repubblica, DPR 462, del 2001 vengono regolamentate tutte quelle verifiche relative agli impianti di messa a terra, elettrici e di protezione. Questo Decreto obbliga tutti i responsabili di attività a verificare ogni cinque anni i propri impianti.

L’obbligo si riduce ad una periodicità biennale se si tratta di luoghi definiti a maggior rischio come ad esempio i cantieri e gli studi medici. Ogni attività che preveda al suo interno un datore di lavoro pone quest’ultimo come unico e diretto responsabile di qualunque mancata verifica, l’obbligo è inteso indipendentemente dalla tipologia di attività svolta.

Per la verifica effettiva dell’impianto il datore di lavoro può rivolgersi solo a quegli organismi abilitati dal Ministero dello Sviluppo Economico (MISE).

Non potrà quindi eseguire alcuna verifica chi non sia rappresentante degli Organismi di Ispezione.

Il DPR 462/01 ha istituito la figura degli Organismi Privati di Ispezione, che affiancano quelli pubblici già attivi sul territorio e che operano per delega con uguale tecnica di verifica e di affidabilità.

Esiste però una differenza effettiva e chiara tra i due Organismi di ispezione, pubblico e privato.

Le due figure hanno competenze differenti.

Gli unici che possono, al termine di una verifica di impianto, emettere sanzioni e suggerire un’azione correttiva, sono unicamente i Pubblici Ufficiali incaricati.

In più le attività a carico degli Organismi Privati sono limitate unicamente all’incarico che gli viene conferito, nel caso delle verifiche previste da DPR 462/01.

La Normativa prevede inoltre che l’ispettore incaricato esegua il compito di verifica in presenza di un tecnico o di una persona esperta, a conoscenza dell’impianto, e fornita dal cliente.

Leggere  Equo Compenso Professionisti

Il Decreto Milleproroghe 2020 (30 dicembre 2019 n. 162) introduce importanti modifiche al DPR 462/01.

In particolare, l’Articolo 36 che modifica il DPR 462/01, e delinea nuovi punti nell’ambito delle verifiche degli impianti elettrici effettuate dagli Organismi abilitati all’ispezione.

In particolare introduce l’Art. 7-bis,  in merito alla comunicazione all’INAIL e introduce un tariffario unico nazionale per le verifiche.

A verifica effettuata per la digitalizzazione dei dati ottenuti, l’ INAIL ha predisposto una Banca dati informatizzata.

Il datore di lavoro quindi potrà comunicare attraverso questo collegamento digitale con l’ INAIL i riferimenti e i nominativi degli Organismi di Ispezione incaricati.

Di seguito l’Organismo incaricato verserà all’ INAIL una percentuale del 5% (in base al tariffario stabilito per le verifiche di impianti di messa a terra) della tariffa stabilita per la verifica periodica. Il contributo fa riferimento alla copertura dei costi di gestione della Banca dati digitale.

CIVA

Per la gestione dei dati informatizzati l’ INAIL è già in possesso di un applicativo (CIVA) che facilita l’inserimento e la gestione dei dati trasmessi, anche in relazione ad altra tipologia di verifiche su diversi impianti.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici e con chi pensi possa trovarlo utile. Scrivici alla pagina dedicata che trovi cliccando su questo Link.

 

 

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy