Nuove aliquote per l’energia reattiva 2023

I nuovi corrispettivi per l’energia reattiva 2023

Lo scorso 27-12-2022, l’ARERA – Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente ha pubblicato la Delibera 20 dicembre 2022 n. 712/2022/R/eel “Disposizioni in materia di regolazione tariffaria dell’energia reattiva sulle reti elettriche in altissima e alta tensione”.

Il provvedimento, disponibile sul sito dell’autorità www.arera.it, contiene l’aggiornamento della regolazione tariffaria per l’energia reattiva prevedendo, in particolare, l’introduzione dal 1° aprile 2023 di corrispettivi per l’energia reattiva immessa in alta e in altissima tensione.

Fino al 31 marzo 2023, infatti, i corrispettivi per energia reattiva immessa da clienti finali e reti di distribuzione in altissima e in alta tensione siano pari a 0 euro/Mvarh.

I corrispettivi in vigore dal 1° gennaio 2023 pubblicati lo scorso 29 dicembre 2022 con la Delibera 27 dicembre 2022, n. 720/2022/R/eel “Aggiornamento, per l’anno 2023, delle tariffe obbligatorie per i servizi di distribuzione e misura dell’energia elettrica per i clienti non domestici e delle condizioni economiche per l’erogazione del servizio di connessione”.

Nuove aliquote per l’energia reattiva 2023; per le utenze in media tensione (MT):

  • per energia reattiva compresa tra 33% e 75% della attiva (F1 e F2): 0,456 centesimi di euro/kvarh (+68,3%)
  • per energia reattiva oltre il 75% della attiva (F1 e F2): 0,606 centesimi di euro/kvarh (+72,6%)
  • per energia reattiva immessa in fascia F3 (a partire dal 1° Aprile 2023): 0,606 centesimi di euro/kVarh

Per quanto riguarda i corrispettivi per energia reattiva applicati dalle imprese distributrici nei punti di prelievo nella titolarità di clienti finali in alta e altissima tensione (articolo 25 del TIT), la delibera prevede che le soglie si applichino “a meno che il gestore della rete di trasmissione nazionale, eventualmente per il tramite dell’impresa distributrice e con approvazione dell’Autorità, anche in modalità di silenzio assenso, abbia richiesto e concordato con l’utente, compatibilmente con le possibilità impiantistiche dell’utente, soglie differenti per il prelievo di energia reattiva oppure per l’immissione di energia reattiva, in ragione di necessità locali della rete a cui l’utente è connesso”.

Media e Bassa Tensione

Quella descritta per le reti di alta e altissima tensione non è l’unica novità introdotta dall’ARERA. Per le reti di media e bassa tensione, infatti, ARERA era già intervenuta il 1° giugno 2022 con la Delibera 31 maggio 2022 n. 232/2022/R/eel “Disposizioni in materia di regolazione tariffaria dell’energia reattiva sulle reti elettriche in media e in bassa tensione e relativa informazione ai clienti finali”. Il provvedimento completava la regolazione tariffaria dell’energia reattiva sulle reti elettriche di media e bassa tensione, prevedendo l’entrata in vigore di nuovi corrispettivi per energia reattiva immessa dal 1° aprile 2023.

In particolare, la delibera prevedeva che ai clienti finali non domestici in media tensione e in bassa tensione con potenza disponibile superiore a 16,5 kW, “si applichino corrispettivi unitari alle immissioni di energia reattiva in fascia F3 pari ai corrispettivi unitari applicati nelle fasce F1 e F2 ai prelievi di energia reattiva da parte dei clienti finali al medesimo livello di tensione eccedenti il 75% dell’energia attiva”.

I nuovi corrispettivi (Tabella 2) per l’anno 2023 pubblicati con la Delibera 720/202/R/eel registrano un incremento:

Nuove aliquote per l’energia reattiva 2023; per le utenze in bassa tensione (BT) superiori ai 16.5 kW:

  • per energia reattiva compresa tra 33% e 75% della attiva (F1 e F2): 1,274 centesimi di euro/kvarh (+60,9%)
  • per energia reattiva oltre il 75% della attiva (F1, F2): 1,689 centesimi di euro/kvarh (+64,9%)
  • per energia reattiva immessa in fascia F3 (a partire dal 1° Aprile 2023): 1,689 centesimi di euro/kVarh

per i corrispettivi applicati ai prelievi di energia reattiva compresi fra il 33% ed il 75% dell’energia attiva ed eccedenti il 75% dell’energia attiva oltre a riportare il valore del nuovo corrispettivo per l’energia reattiva immessa dal 1° aprile 2023.

A TITOLO D’ESEMPIO

Se durante le ore della fascia F3 di un mese, il Cliente finale in BT immette in rete 1.000kVarh;  l’importo che troverà in bolletta della penale sarà pari a:

1.000kVarh * 0,01024 €/kVarh = 10,24€

 

Si segnala, che il 29 dicembre scorso, l’ARERA ha aggiornato, con decorrenza dal 1° gennaio 2023, anche le seguenti tariffe:

  • Delibera 27 dicembre 2022, n. 719/2022/R/eel “Aggiornamento delle tariffe per l’erogazione del servizio di trasmissione dell’energia elettrica, per l’anno 2023”;
  • Delibera 27 dicembre 2022, n. 721/2022/R/eel “Aggiornamento, per l’anno 2023, delle tariffe relative all’erogazione dei servizi di rete (trasmissione, distribuzione e misura) dell’energia elettrica, per i clienti domestici”.
  • La Delibera 720/202/R/eel, contiene l’aggiornamento delle componenti delle tariffe obbligatorie per il servizio di distribuzione (di cui all’articolo 9 del TIT).

Se ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici e con chi pensi possa trovarlo utile. Scrivici alla pagina dedicata, per un preventivo, cliccando su questo Link.

Fonte: AuthorityEnergia

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy