Green Pass

Certificazione verde Covid 19 – SARS-CoV-2, che cos’è

Per certificazione verde si intende un certificato comprovante uno dei seguenti stati:

  • lo stato di completamento del ciclo vaccinale contro il SARS-CoV-2
  • la guarigione dall’infezione da SARS-CoV-2 (che corrisponde alla data di fine isolamento, prescritto a seguito del riscontro di un tampone positivo)
  • il referto di un test molecolare o antigenico rapido per la ricerca del virus SARS-CoV-2 e che riporti un risultato negativo, eseguito nelle 48 ore antecedenti.

Alcuni Esempi:

  • il normale certificato vaccinale rilasciato dalla Regione o dalla ASL alla fine del ciclo vaccinale, che indica anche il numero di dosi somministrate rispetto al numero di dosi previste per l’individuo, è considerato un certificato verde Covid-19
  • il certificato di fine isolamento rilasciato dalla ASL è considerato un certificato verde Covid-19
  • il referto del test antigenico negativo effettuato presso le farmacie autorizzate o i medici di medicina generale/pediatri di libera scelta è considerato un certificato verde Covid-19.

Illuminazione pubblica

 

La Regione Lombardia, attraverso questo bando “Illumina”, eroga risorse al fine di aumentare l’efficienza energetica e ridurre l’inquinamento luminoso degli impianti di illuminazione pubblica, migliorando le caratteristiche illuminotecniche e di rendimento energetico nonché la sicurezza della circolazione e degli impianti.
La dotazione finanziaria dell’iniziativa, è complessivamente pari a 15 milioni di euro, e ripartita su tre annualità:

  • 4 milioni già stanziati nel 2021
  • 5 milioni verranno stanziati nel 2022
  • 6 milioni verranno stanziati nel 2023

Ogni intervento ammesso deve essere realizzato, collaudato e rendicontato entro il 30 novembre 2023.
Il bando, con procedura valutativa a graduatoria delle istanze che verranno presentate, è rivolto a tutti i Comuni lombardi con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti.

Contributi per Impianti sportivi

Contributi della Regione Veneto, per interventi di riqualificazione degli impianti sportivi

Il 23 aprile 2021, è stato pubblicato dalla Regione Veneto il Bando dedicato ad interventi di miglioria, riqualificazione anche strutturale, degli impianti sportivi.
L’obiettivo del Bando è quello di migliorare l’offerta impiantistica strutturale nel settore dello sport.
All’attività motoria, infatti, viene riconosciuto un valore sia sociale, formativo ed educativo, per questo, la Regione Veneto, intende incentivare opere di riqualificazione, messa in sicurezza e di abbattimento delle barriere architettoniche, oltre alla realizzazione di nuove aree destinate all’attività sportiva.
Possono partecipare al Bando tutti gli Enti Locali sia in forma singola che in forma associata.
La Regione ha stanziato 700.000,00 euro.
I Comuni potranno presentare una sola istanza che potrà riguardare un solo intervento, l’importo non potrà essere inferiore a 10.000,00 euro e non superiore a 50.000,00 euro.
Sarà possibile ottenere un contributo fino al 100% della spesa sostenuta per un massimo di 50.000,00 euro.
Scadenza
La domanda di partecipazione dovrà essere presentata entro il 25 maggio 2021

 

Fonte Regione Veneto

 

 

Aiuti di Stato

Un nuovo allarme da parte di CNA: la burocrazia colpisce ancora, nuovi oneri per imprese e professionisti.

Per due milioni di imprese e professionisti che nel 2020 hanno beneficiato dei contributi a fondo perduto per fronteggiare i pesanti effetti economici della pandemia, dovranno sostenere maggiori oneri amministrativi.

Il nuovo modello della dichiarazione dei redditi, “rileva la Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa (CNA) “ infatti, prevede che la sezione dove indicare i dati sugli Aiuti di Stato non sia più limitata agli aiuti fiscali automatici ma comprenda anche i benefici erogati a fondo perduto da parte dell’Agenzia delle Entrate.

garanzia 1 anno

Garanzia questa sconosciuta

Per rendere più chiaro e comprensibile quali sono i diritti ed i doveri degli installatori elettrici in termini di garanzia dei prodotti e degli impianti installati.
Nell’eventualità in cui si abbia a che fare con il singolo consumatore (qualsiasi persona fisica che agisce per scopi estranei all’attività imprenditoriale o professionale ) piuttosto che con una società, con la pubblica amministrazione PA o un professionista.
Nell’ eventualità del singolo consumatore dobbiamo fare riferimento al Codice del consumo Dlgs 6 settembre 2005 n. 206.
Invece nella circostanza in cui si trattasse di una società, pubblica amministrazione o di un professionista, la materia è regolamentata dal codice civile, dagli articoli compresi dal 1490 al 1497.

Industria e imprese Covid19

COVID-19 _ LAVORATORI E IMPRESE

 

Il 6 aprile 2021, secondo accordi governativi, è stato sottoscritto il Protocollo di aggiornamento delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2 / COVID-19 negli ambienti di lavoro, su invito del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e del Ministro della Salute, tenuto conto dei precedenti provvedimenti adottati.
Il presente documento contiene linee guida condivise tra le parti per agevolare le imprese nell’adozione di protocolli di sicurezza anti-contagio.
La prosecuzione delle attività produttive può infatti avvenire solo in presenza di condizioni che assicurino alle persone che lavorano adeguati livelli di protezione.

La mancata attuazione del Protocollo determina la sospensione dell’attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

Professioni tecniche

Linee guida per la determinazione del corrispettivo relativo alle prestazioni professionali Superbonus 110%

Compensi professionali: il riferimento è il decreto parametri

Il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 6 agosto 2020, previsto dalla Legge 17 luglio 2020 n. 77, nel definire il limite massimo delle agevolazioni previste fa esplicito riferimento, per quanto attiene alle spese tecniche, ai valori massimi di cui al DM 17 giugno 2016.
Il riferimento è agli oneri per le prestazioni professionali connesse alla realizzazione degli interventi, per la redazione dell’attestato di prestazione energetica APE e per l’asseverazione.
Al fine di adempiere al dettato normativo e di dare indicazioni operative, tenendo conto della specificità delle prestazioni professionali connesse al Superbonus, la Rete Professioni Tecniche ha costituito un gruppo di lavoro, che ha elaborato le “Linee Guida 5/5/2021 Superbonus 110%”.

Obbligo di equo compenso per i professionisti consulenti e applicazione dei parametri

Ai professionisti impegnati sul fronte Superbonus si applica la disciplina dell’equo compenso, sulla quale vigila il Mise.
L’emendamento approvato rimanda direttamente alla legge 205 del 2017, ossia alla legge di Bilancio 2018 che ha modificato l’istituto dell’equo compenso per gli avvocati e gli altri professionisti iscritti in Ordini e Collegi professionali. Sono due i principi fondamentali dell’istituto dell’equo compenso su cui il Ministero dello Sviluppo Economico sarà dunque tenuto a vigilare. Il primo è legato alla definizione di equo compenso, considerato tale se risulta «proporzionato alla quantità e alla qualità del lavoro svolto», tenuto conto delle caratteristiche della prestazione.

Inoltre, il compenso è equo se conforme ai parametri definiti con regolamento del ministero della Giustizia (Decreti Parametri).

Linee Guida determinazione corrispettivo Superbonus 110% _ Linee Guida OICE

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici e con chi pensi possa trovarlo utile. Scrivici alla pagina dedicata che trovi cliccando su questo Link.

 

Bolletta energia, Oneri di sistemaOneri generali di sistema e ulteriori componenti dispacciamento

Con le bollette dell’energia elettrica, oltre ai servizi di vendita identificati come materia prima,commercializzazione, vendita, ai servizi di rete identificati come trasporto, distribuzione, gestione del contatore, e alle imposte, si pagano alcune componenti per la copertura di costi per attività di interesse generale per il sistema elettrico nazionale, si tratta dei cosiddetti oneri generali di sistema, introdotti nel tempo da specifici provvedimenti normativi.

Negli ultimi anni, gli oneri generali di sistema hanno rappresentato una quota crescente e sempre più significativa della spesa totale annua di energia elettrica degli utenti finali.

Gli oneri generali sono applicati come maggiorazione della tariffa di distribuzione, (quindi all’interno dei servizi di rete), in maniera differenziata per tipologia di utenza.

 

pagoPA

pagoPA IL SISTEMA DI PAGAMENTO ELETTRONICO VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (PA)

Dal 1° marzo 2021 i pagamenti verso le Pubbliche Amministrazioni, non potranno più essere eseguiti con bonifico bancario o bollettino di conto corrente postale, ma solo utilizzando il sistema pagoPA obbligatorio dal 1 marzo 2021.

Cos’è pagoPA

pagoPA è una piattaforma che consente di disporre, in via telematica, i pagamenti elettronici, per rendere più semplice, sicuro e trasparente qualsiasi pagamento verso la Pubblica Amministrazione centrale e locale, ma anche verso altri soggetti, come le aziende a partecipazione pubblica, le scuole, le università, le ASL.

L’obiettivo è quello di permettere al cittadino di scegliere metodi di pagamento moderni, a minima frizione, e al mercato di poter integrare lo strumento, aggiungendo facilmente nuovi strumenti di pagamento innovativi, in modo semplice, standardizzato, affidabile e non oneroso per la PA e più in linea con le esigenze dei cittadini.

CAMPAGNA VaccinI ANTI COVID-19

Tutti gli indirizzi utili per prenotare il vaccino anti Covid 19 (SARS-CoV-2) nelle regioni d’Italia: le date per fasce di età

Con comunicato stampa pubblicato sul sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri si informa che è stato diffuso il Piano del Commissario straordinario, generale Francesco Paolo Figliuolo, per l’esecuzione della campagna vaccinale nazionale.

Elenco delle regioni con i link per prenotare il vaccino anti Covid 19:

Veneto

https://vaccinicovid.regione.veneto.it/

Trentino Alto Adige

https://cup.apss.tn.it/webportal/vaccinocovid/main/home

Friuli Venezia Giulia

La vaccinazione si può prenotare tramite il CUP delle Aziende Sanitarie e delle farmacie, oppure tramite il Call center al numero unico 0434 223522.

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy